• Dott.ssa Michela Pacifico

Pardule funzionali


Per la sessione pasquale di cucineinsincrono ci siamo dedicate alla preparazione di un menù completo per fornire degli spunti funzionali anche durante questi giorni di grandi mangiate.

Per questo evento ho deciso di preparare delle "Pardule", dolcetti sardi a base di ricotta, rivisitandole in chiave funzionale.

Vediamo i miei ingredienti per preparare circa 20 pardule di piccole dimensioni.

Per la base:

- 85 grammi di Semola di grano duro Senatore Capelli rimacinata;

- 40 grammi di Farina di Farro monococco;

- 30 grammi Burro di extravergine di cocco;

- 1 albume;

- 1/2 cucchiaino di zucchero muscovado;

Per il ripieno:

- 200 grammi di ricotta di pecora;

- 150 grammi di ricotta di capra;

- 1 bustina di zafferano;

- La scorza di un'arancia e di un limone biologici;

- 40 grammi di farina di mandorle;

- due cucchiaini di uvetta;

- Noci del Brasile e Fave di cacao crudo a piacere;

- 1 cucchiaio raso di zucchero muscovado;

- 1 uovo intero e 1 tuorlo.

Per prima cosa mettete in ammollo l'uvetta con due cucchiai d'acqua. Iniziate poi a preparare la base. Sciogliete il burro di cocco a bagno maria e intanto iniziate a lavorare insieme farina, semola e il cucchiaino di zucchero. Una volta sciolto il burro (che non deve essere caldo) unitelo alla semola insieme all'albume di un uovo. Impastate fino ad ottenere un impasto liscio, quindi mettetelo in un contenitore, copritelo e lasciatelo a riposo vicino ad una fonte di leggero calore.

A questo punto potete preparare il ripieno.

Mettete a bollire (anche nel microonde) l'acqua e l'uvetta, e lasciate raffreddare. Impastate insieme le due ricotte ben scolate dai liquidi. Il trucco sarebbe quello di lasciarle ad asciugare su un canovaccio bianco in modo da perdere più acqua possibile, ma è un passaggio che si può comunque saltare. Una volta che la ricotta è ben ammorbidita e amalgamata, unite l'uovo intero e il tuorlo, la scorza degli agrumi, la farina di mandorle, lo zucchero e lo zafferano. Frullate grossolanamente l'uvetta nella sua acqua e aggiungete anche questo all'impasto. Se risultasse troppo liquido potete aggiungere più farina di mandorle. Per ultima cosa unite le noci e le fave di cacao tagliate a pezzetti.

Ora stendete la base in uno strato sottilissimo e ricavate dei dischi con un coppa pasta. Mettete i dischi direttamente sulla teglia ricoperta con carta forno e al centro di ognuno mettete un cucchiaio o due di impasto a seconda delle dimensioni del disco. Chiudete i lati pinzandoli con le dita. La forma perfetta si ottiene formando cinque pliche, ma anche con sei vengono bene. Fate aderire l'impasto alla base e infornate in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti, o finché non saranno ben dorate sopra.

A seconda del vostro gusto potete spolverare le pardule con dello zucchero a velo o delle codette di zucchero.

Questa ricetta tradizionale assume un sapore innovativo grazie alla presenza del burro di cocco al posto dello strutto e alla frutta secca presente nell'impasto per il ripieno. Inoltre non avendo utilizzato praticamente zucchero e avendo sostituito la farina del ripieno con la farina di mandorle, questo è un dolce low-carb adatto a chi deve stare attento all'eccesso di zuccheri semplici nell'alimentazione.

Le atre ricette funzionali per Pasqua:

I muffin salati di Giovanna, da Roma

Gnocchi di ricotta di Chiara, da Luino

Crespelle di asparagi di Raffaella, da Genova

Spezzatino vegan di Maria Rosaria, da Napoli

L'agnello coi carciofi di Pollyanna, da Sestri Levante

La treccia coi piselli e il rognone di Francesca, da Cagliari

Fichi caramellati di Nicoletta, da Brindisi

#cucinafunzionale #cucineinsincrono #uvetta #lowsugar #tradizione #dolci

0 visualizzazioni
  • Facebook - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio
  • LinkedIn - cerchio grigio