A tutto cioccolato!!!

Primi freddi di stagione ed è subito tempo di copertina e felicità nel riaccendere il forno e riempire la casa calore e profumo di dolci. Il cioccolato in questi casi è perfetto per rifocillare lo spirito e corpo, il suo effetto è così potente che può creare dipendenza....e sapete che alla dipendenza da cioccolato è stato anche dato un nome? Si chiama "Cioccolismo" ed è causato da diversi fattori: 1) il primo e più semplice è la presenza di zucchero nei cioccolati non puri, esso crea dipendenza ma non ha nessun effetto benefico; 2) Il mix di sostanze presenti nel cioccolato puro: Teobromina e Triptofano, molecole che combinano un'azione tonica simile a quella di caffeina/teina e donano una sensazione di felicità in quanto il triptofano è il precursore della serotonina (ormone implicato proprio nel senso di pace e serenità). Ad aggiungersi ai componenti del punto due, ricordiamo che il cioccolato crudo è anche ricco di polifenoli, ovvero molecole con azione antiossidante che combattono l'invecchiamento cellulare. Insomma è un vero elisir di lunga vita questo cioccolato! L'altra sera cercavo una ricetta alternativa per una torta al cioccolato che mi risollevasse l'umore e, come mio solito, nell'indecisione ho fatto un mix di ricette adattate con quello che avevo in casa. Dunque veniamo ai fatti, per questa torta cioccolatosa ho utilizzato ingredienti un po' particolari ma che sono tutti sostituibili con i più classici presenti nelle case, ecco l'elenco ingredienti per uno stampo di diametro 24-26 cm (10 porzioni circa): 📌Cioccolato extra fondente - 110 g (io ho usato 80 g di 100% più 30 g di 75%);

📌 Olio di cocco - 40 g;

📌 Olio EVO - 40 g;

📌 Farine - 250 g (io ho usato: 80 g farina di quinoa, 140 g farina FiberPasta, 30 g farina di cocco);

📌 Zucchero integrale di canna - 150 g;

📌 Miele - 20 g (circa mezzo cucchiaio);

📌 Uova - 2;

📌 Latte di soia senza zucchero - 150 mL;

📌Frutta secca mista - 80 g (io ho usato: 40 g noci, 20 g mandorle e 20 g anacardi salati);

📌 Due pere medie

📌 2 cucchiai di liquore alla vaniglia

📌 Lievito per dolci o bicarbonato+aceto. *NOTA sostituzioni: l'olio di cocco può essere sostituito con 50 g di burro classico, o con 40 g di olio EVO. La farina può essere utilizzata classica o mista di altri cereali (riso, farro, integrale). Il miele può essere eliminato a favore di un aumento di zucchero. Il latte di soia può essere sostituito con altro latte vegetale o vaccino. La frutta secca può essere composta da qualsiasi cosa, anche solo noci, oppure anche da semi come quelli di girasole. Il liquore è opzionale. Procedimento: - Fate fondere a bagnomaria il cioccolato con gli oli/burro; - Sbucciate le pere e tagliatele a fette lunghe, mettete il un piatto piano e cospargetele con liquore a vostra scelta (o solo con un goccio di acqua e limone); - Se si è sciolto spegnete il fuoco del cioccolato e mettetelo da parte in modo che raggiunga temperatura ambiente; - In una ciotola sbattete le uova, unite lo zucchero, il miele, e il latte finché non ottenete un composto abbastanza fluido; - Tritate la frutta secca o i semi e uniteli al composto, quindi unite anche il cioccolato fuso con gli oli; - Setacciate le farine e il bicarbonato o lievito e unitele agli altri ingredienti. Se avete utilizzato il bicarbonato a questo punto aggiungete l'aceto e mescolate per bene. - Versate nella tortiera, precedentemente oliata e infarinata, disponete le pere a raggiera (ben scolate dal liquore) e infornate a 170° C per 45 minuti, prova stecchino necessaria!!! A piacere a metà cottura potete cospargere la superficie con del cocco grattugiato. Una volta sfornata dovreste ottenere un risultato più o meno come questo: Dunque per fare un'analisi nutrizionale farei conto di dividere questa torta in 10 porzioni, chiaramente ne verrebbero fuori anche 12-14, ma ragioniamo per numeri pieni in virtù di una ricca colazione. Ogni fetta contiene solo 15 g di zuccheri semplici (quasi la metà di una qualunque torta confezionata), ha un ridotto contenuto di colesterolo pressoché trascurabile - 44 mg -(solo due uova e niente burro fanno la differenza!), è ricca di acidi grassi a catena media presenti nell'olio di cocco e che fanno tanto bene al nostro organismo, è ricchissima di acidi grassi insaturi (sia mono che poli insaturi) presenti in frutta secca e olio d'oliva. Parlando di numeri potrebbe sembrare una bomba, infatti una fetta è composta dal 50% di grassi, 38% carboidrati (di cui solo la metà zuccheri semplici) e dal 12% da proteine, per un totale di 343 Kcal, beh un po' tante ma stiamo parlando comunque di un super dolce e non di una fettina invisibile, infatti, se dividessimo in 10 la torta, otterremo una porzione di queste dimensioni: Quando consumare questa torta? Una fetta per colazione accompagnata da dello yogurt greco 0% o da del latte di soia senza zuccheri vi farà carburare fino all'ora di pranzo. Oppure potrete consumare mezza fetta come merenda accompagnata da un infuso caldo. Non vi resta che provare a farla con le vostre varianti preferite e trarre il massimo beneficio da una bomba al cioccolato! #cioccolato #torta #homemade #homecake #cocco #pere

  • Facebook - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio
  • LinkedIn - cerchio grigio